“Leggo le dichiarazioni della consigliera regionale del M5S Alice Salvatore e rimango basito. Nel pieno di un’emergenza nazionale, una rappresentante dei cittadini liguri (una sempre più piccola parte, per fortuna) scrive in totale malafede un comunicato pieno di bugie, ai limiti della follia e del procurato allarme, che sono costretto a smontare punto per punto. Certamente non bisogna mai abbassare la guardia finché il virus è ancora in attività. Soprattutto quello dell’ignoranza: la Salvatore ha dimostrato per l’ennesima volta di esserne stata colpita e purtroppo per quello non c’è cura e neanche vaccino”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito alla polemica sollevata dall’esponente pentastellata ligure. Il governatore risponde poi alle singole osservazioni della consigliera M5S.  – La giunta in Liguria ha scelto di aprire tutto. Fare finta che sia tutto finito non è buona politica. FALSONessuno ha mai detto che è tutto finito semplicemente siamo prudenti ma non allarmisti. Non abbiamo scelto di aprire tutto, anzi. Le scuole della Liguria sono chiuse fino a mercoledì in attesa di ulteriori valutazioni, ossia se le scuole saranno pronte ad accogliere i nostri studenti nella maggior sicurezza possibile. Le Università, visto che vengono frequentate da studenti provenienti, non solo da tutta la Liguria, ma da tutta Italia, abbiamo deciso di tenerle chiuse tutta la settimana. Così come le scuole della zona interessata maggiormente dal contagio, ossia Savona e provincia, che avrà anche altre restrizioni previste dal decreto ministeriale”. – Il decreto del governo lascia ampio margine di movimento alle Regioni, Liguria compresa. La giunta ha scelto di riaprire le scuole dal 3 marzo in modo autonomo e non obbligato da nessun decreto nazionale. FALSORegione Liguria ha concordato punto per punto con il Governo centrale quanto stabilito: è una emergenza senza colori politici. E sottolineo che è lo stesso Governo di cui la Salvatore fa parte, ma mi rendo conto che non venga considerata dagli esponenti del suo partito a livello nazionale. – Sarebbe cosa giusta estendere alla giunta della Liguria, che ha avuto nei giorni passati tantissimi contatti anche per motivi elettorali con politici della regione Lombardia (pensiamo anche solo alla cena leghista con 1500), un test per il controllo di positività al virus. FALSONon abbiamo avuto alcun contatto con i politici della regione Lombardia. La cena leghista di 1500 persone era un evento privato peraltro avvenuto prima dell’entrata in vigore dell’ordinanza e avvenuta in un momento in cui non vi erano contagiati in Liguria. E ci dispiace segnalarle che erano tutti liguri. Capisco che questi numeri in Liguria il M5S non li ha mai visti ma se ne deve fare una ragione. – Molti assessori regionali liguri, compreso lo stesso governatore Toti, si sono recati nei luoghi dei focolai liguri per fare foto e dichiarazioni, poi però non si sono sottoposti a nessun controllo. FALSISSIMOIn Liguria NON CI SONO MAI STATI FOCOLAI! E, come un rappresentante delle istituzioni come Alice Salvatore, dovrebbe sapere, i tamponi devono essere fatti solo in caso di sintomi e di contatti diretti con persone contagiate, cosa che non è mai avvenuta. Mi sembrerebbe inopportuno impiegare i nostri sanitari e i nostri laboratori per delle analisi inutili, visto il gran da fare che hanno di queste ore. Siamo andati nei luoghi per incontrare le amministrazioni che stavano gestendo l’emergenza e per portare agli ospiti dell’hotel la nostra vicinanza. Quindi mi chiedo come possa la consigliera non possa provare vergogna delle sue stesse affermazioni. Gli ospiti sono già stati riportati tutti nelle loro case in 72 ore, e questo dovrebbe essere un dato di cui parlare. Sono andato da quelle persone perché rientra nel lavoro dei presidenti di Regione (oltre a rappresentare un gesto dovuto dal punto di vista umano), cosa a lei non chiara non essendoci neanche un governatore grillino in tutta Italia. E forse rileggendo tanta ignoranza, si capisce pure il perché…- Pare, dalle ultime azioni della Giunta, che ci sia la volontà di allentare i controlli, come a dimostrazione di un “passato pericolo” che abbia radici solo per “vetrina” e non supportato da elementi di contrasto scientifici. FALSO I controlli sono capillari e la nostra TASK FORCE SANITARIA con cui prendiamo decisioni e siamo costantemente in contatto, è composta dai più grandi scienziati sulla materia. Consiglierei alla Salvatore di chiedere scusa a questi professionisti.- L’intero palazzo regionale è ancora sprovvisto del disinfettante, nonostante questo sia raccomandato obbligatoriamente nel decreto di Conte. FALSORegione Liguria sta seguendo tutte le pratiche di autoprotezione e ha da diversi giorni effettuato l’ordine per i disinfettanti di cui presto saranno dotati gli uffici, in linea con i tempi dettati da ordinanza. – Non bisogna creare allarme. VEROMa l’allarme lo ha creato lei con tutte queste falsità al limite del delirio. – La Liguria è esente da veri e propri problemi interni di infezione. FALSOLo stesso Governo di cui fa parte ha inserito la provincia di Savona nelle zone cosiddette “sensibili”. – Mai abbassare la guardia finché il virus è ancora in attività. VEROSoprattutto quello dell’ignoranza. E la Salvatore ha dimostrato per l’ennesima volta di esserne stata colpita. E purtroppo per quello non vi è cura e neanche vaccino”, conclude Toti.