Non si è fermata l’attività di controllo del territorio svolta di militari della Compagnia di Sanremo, nonostante i gravosi impegni derivanti dal contributo fornito per la sicurezza della 70a edizione del festival della canzone italiana.
L’impiego amplificato e continuativo di unità nei servizi di prevenzione ha consentito di non tralasciare l’attività di polizia giudiziaria anche nel corso della manifestazione canora.
In particolare, l’attenzione è stata rivolta alle persone sottoposte a misure alternative alla detenzione, nei cui confronti è stata intensificata la sorveglianza ed i controlli.
Proprio all’alba della kermesse, i Carabinieri della Stazione di Sanremo hanno arrestato una coppia di coniugi, lui 34enne algerino, e lei 55enne italiana, entrambi gravati da precedenti di polizia, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I fatti risalgono alla mattina del 4 febbraio quando una pattuglia della Stazione ha notato l’uomo transitare a bordo del proprio maxiscooter in via Galilei e – essendo noto ai militari perché sottoposto alla detenzione domiciliare con permesso di assentarsi dalle 10.00 alle 12.00 – i Carabinieri hanno deciso di seguirlo. Avendo notato la loro presenza, l’uomo ha parcheggiato il motociclo in una piazzola di sosta tentando invano di nascondersi dietro
alcuni bidoni adibiti alla raccolta dei rifiuti. Una volta raggiunto, è stato sottoposto a perquisizione personale e veicolare e, proprio nel sottosella dello scooter, i Carabinieri hanno rinvenuto 3 involucri contenenti complessivi 60 grammi di eroina. Considerato l’ingente quantitativo e nella convinzione che potesse trattarsi di una singola consegna di droga, i militari decidevano di perquisire anche l’abitazione, preventivamente circondata. Dopo aver suonato, i Carabinieri che si erano appositamente collocati sul retro della dimora hanno notato la moglie dell’uomo lanciare un sacco di plastica dalla finestra nel giardino.
Recuperata la busta ed entrati nell’abitazione, dopo un’accurata perquisizione, i Carabinieri
hanno rilevato come essa contenesse ulteriori 7 involucri con 270 grammi della medesima sostanza, 6 confezioni da 37 grammi di cocaina e un pacchetto con 5,5 grammi di marijuana, nonché due bilancini elettronici di precisione.
Considerati i quantitivi di stupefacente, i coniugi sono stati dichiarati in arresto e trasferiti rispettivamente presso le case circondariali di Imperia e Genova Pontedecimo.
Non è da escludere che il grosso quantitativo di droga, di differenti qualità, fosse destinato alla piazza di spaccio sanremese, approfittando della massiccia affluenza di persone registrata in questi giorni.