A conclusione del Progetto Edumob/Alcotra 2014-2020 sull’Educazione alla Mobilita’ Sostenibile promosso da Regione Liguria tramite Parco Regionale Naturale delle Alpi Liguri, lo spettacolo Percorsi dell’Anima conclude a Ventimiglia la sua tournée che l’ha portato in giro attraverso le più belle location del ponente ligure: Villa Nobel, Villa Grock, Villa Hambury, sulla pista ciclabile di Ospedaletti a La Piccola.

PERCORSI DELL’ANIMA

Viaggio in bici attraverso le bellezze liguri

Uno spettacolo sulla pista ciclabile che non solo parli dei luoghi che si incontrano lungo il percorso, ma le cui repliche avvengano proprio lungo i luoghi della pista: è questo lo spettacolo PERCORSI DELL’ANIMA. Viaggio in bici attraverso le bellezze liguri.

Lo spettacolo sarà composto da reading, brani a memoria, personaggi che si rispondono, sulla scorta di pagine e versi di grandi scrittori e poeti liguri che hanno abitato e descritto i territori toccati dal percorso ciclabile, di modo che nei luoghi presi in considerazione si senta parlare di quei luoghi, standoci e ragionando di come una non trascurabile maniera per viverli e raggiungerli consista nell’attraversarli in bicicletta.

L’usare la bicicletta non solo per svago o per attività sportiva, ma proprio per spostarsi da un luogo all’altro può generare in chi lo fa la consapevolezza, come quando si gira a piedi in una bella città d’arte, che andando in bicicletta, oltre ad operare una scelta di locomozione sostenibile per l’ambiente dal punto di vista ecologico, si possa dialogare con la bellezza e la fisionomia dei luoghi, in un rapporto più intimo e consapevole.

Probabilmente, dopo aver assistito a una replica di questo spettacolo e ascoltato una scelta di descrizioni e considerazioni su questi luoghi liguri, attraverso le parole di scrittori e poeti che restituiscono il loro rapporto con queste località, – come Calvino, Biamonti, Orengo, Conte, ma anche Sbarbaro, Boine (con un’eco lontana di Pastonchi) – potremo riconoscere con questi luoghi un legame simile a quello che si ha con radici che ci appartengono, di modo chè l’attraversarli in bicicletta diventi un viaggio guidato da una sorta di mappa dell’anima.