La Finanza ha acquisito le relazioni trimestrali sui controlli di Spea sulla galleria Bertè, dalla cui volta lo scorso 30 dicembre sono cadute due tonnellate e mezzo di materiali. L’obiettivo è capire come fossero eseguite le ispezioni e se anche per i tunnel ci fossero report “ammorbiditi”. Per l’adeguamento alla direttiva europea 54 del 2004 non è escluso che la Procura possa aprire un filone di indagine.