Dopo cinque anni di iter, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha approvato la Strategia d’Area Interna per la Valle Arroscia. Grazie all’accordo quadro i comuni coinvolti potranno beneficiare a partire dal 1 gennaio 2020, e per i prossimi tre anni, di 3 milioni e 700 mila euro di fondi statali per la sanità, i trasporti e le scuole. 

Dal punto di vista sanitario si punterà alla promozione di esperienze già adottate nelle altre aree (IFEC, RSA nonché un potenziamento ambulatoriale e un tentativo di rispondere alle emergenze). Per quel che riguarda la scuola le risorse verranno impiegate sull’accrescimento dell’inglese e del francese nell’offerta formativa e sull’istituzione di un liceo potenziato in valle. Mentre sui trasporti si ipotizza un sistema di trasporto alternativo al TPL, più flessibile e rispondente ai bisogni del territorio.

“Un ottima notizia – commenta l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Liguria Andrea Benveduti -, che va in direzione di uno sviluppo locale che punta sempre più alla crescita di un mercato sostenuto dal turismo, principalmente attraverso la valorizzazione dei prodotti tipici e del patrimonio paesistico. In questo modo potremo produrre un valore aggiunto anche per la popolazione residente, in termini di servizi e opportunità di lavoro. Come Regione, dobbiamo sfruttare quest’occasione per mettere tali risorse a sistema con altrettanti milioni, derivanti fondi europei regionali, utilizzabili per supportare e favorire lo sviluppo economico dell’area”.