La scorsa notte i Carabinieri della Compagnia di Sanremo – con il supporto dei militari specializzati del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Imperia – hanno eseguito un servizio coordinato ad alto impatto finalizzato a implementare il sitema di servizi di controllo del territorio già in atto nel fine settimana e in orario serale/notturno, con particolare riferimento ai comuni costieri di competenza, rivolgendo l’attenzione a Sanremo e Taggia.
Oltre 30 militari impiegati, sia in divisa che in abiti civili, che hanno effettuato posti di controllo alla circolazione stradale, ispezioni e perquisizioni, concentrandosi principalmente nelle aree maggiormente sensibili al fenomeno dello spaccio di stupefacenti (come il quertiere della “Pigna”), nonché mirate ispezioni ai sottoposti alle misure alternative alla detenzione, agli esercizi pubblici di ristorazione, dedicandosi inoltre contrasto alle fenomenologie criminali connesse alla prostituzione e, infine, in applicazione alla normativa sulla sicurezza e decoro urbano di cui ai D.L n.14 /2017 e D.L 113/2018.

L’attività dell’Arma ha consentito di trarre in arresto ed associare al carcere di Imperia un tunisino 26enne, già noto alle forze dell’ordine, fermato nel centro matuziano e gravato da un’ordinanza di custodia cautelare a suo carico. L’uomo – già arrestato nell’agosto scorso poiché responsabile di uno scippo – era stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Rocchetta Nervina ma, nonostante ciò, violando le prescrizioni impostegli dal Giudice, si era recato in diverse circostanze nel comune di Sanremo venendo notato dai Carabinieri della Sezione Operativa che hanno richiesto ed ottenuto dal GIP l’aggravamento della misura cautelare.

I Carabinieri della Stazione di Sanremo hanno deferito in stato di libertà un bordigotto 33enne, censurato, fermato in possesso di un borsone contenente merce (sciarpe, portafogli e borsette) recante marchi di fabbricazione contraffatti, del valore di vendita al dettaglio pari a circa 2.000 euro, nonché segnalato alla Prefettura di Imperia quali assuntori di sostanza stupefacente due sanremesi (un 49 enne e un 19enne), già noti alle forze dell’Ordine: in questa circostanza sono stati trovati in possesso di circa un grammo di cocaina ed uno di marijuana.

Nel contempo i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Imperia hanno ispezionato un esercizio di ristorazione ed un panificio elevando sanzioni amministrative di circa 5000 euro, avendo trovato un lavoratore “in nero” e due lavoratori con contratto irregolare perchè trovati nell’esercizio in violazione del previsto orario di impiego.


Nella notte, l’attenzione dei Carabinieri è stata focalizzata sul rispetto della normativa sulla sicurezza e decoro urbano di cui ai D.L n.14/2017 e D.L 113/2018. Al riguardo, i militari hanno elevato sanzioni amministrative e contestuali ordini di allontanamento nei confronti di tre meretrici, due straniere ed una italiana, controllate nelle zone di Poggio, Tre Ponti ed in pieno centro, nei pressi dello “Zampillo”, per aver  tenuto  una condotta diretta ad offire prestazioni sessuali dietro corrispettivo. Alle stesse è stato intimato l’allontanamento per 48 ore oltre la sanzione amministrativa di circa 100 euro.
In caso di reitarazione, verranno valutati i presupposti per l’applicazione del Daspo Urbano. In modo analogo, nel pomeriggio, aveva proceduto la Stazione Carabinieri di Arma di Taggia nei confronti di un 47 enne partenopeo, fermato nel lungomare di Taggia mentre molestava i passanti tentando di convincerli ad effettuare fotografie con proprio pappagallo.


Il servizio appena svolto aggiunge un altro tassello nel mosaico della sicurezza dell’area sanremese, avendo i Carabinieri ricevuto diverse segnalazioni da privati cittadini, soprattutto in riferimento a situazioni e comportamenti che investivano il decoro e – di conseguenza – la vivibilità della zona.