La partecipazione a titolo personale del consigliere leghista Massimo Giordanengo alla funzione celebrativa della Madonna di Polsi a Ventimiglia Alta la scorsa domenica ha sollevato un polverone mediatico in quanto la Madonna di Polsi è accostata all”Ndrangheta in questa occasione a San Luca ( in Calabria) alla festa vi é partecipazione di capi dell”organizzazione criminale,dato accertato dalle autorità.

Giordanengo come detto ha partecipato alla processione a titolo personale ma è pur sempre un consigliere comunale e di maggioranza la stessa amministrazione aveva preso in precedenza le distanze dalla celebrazione della Madonna di Polsi ritenuta inopportuna e non legata alle tradizioni religiose del territorio,la curia in nulla dice in merito mentre da anni fa svolgere la premiazione del San Segundin D’Argentu non in cattedrale ,

Tornando al discorso principale la processione è stata ripresa via social dal Blogger Abbondanza che ha puntato l’indice verso Giordanengo e a un “chiamalo se vuoi inchino” avvenuto durante la stessa processione

Contenuto non disponibile
Consenti l'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner, oppure scorrendo e navigando la pagina e il sito"

LE Dichiarazioni del sindaco sulla vicenda

Dichiarazione del sindaco Scullino: La partecipazione del consigliere Giordanengo era a titolo personale, come ha dichiarato lui stesso, in quanto la celebrazione religiosa era in piazza Colletta presso la chiesa di S.Michele ove il consigliere abita e dove si stavano raccogliendo fondi per riacquistare un video proiettore per la scuola materna di via al Cavo, alla quale partecipavano altre associazioni cittadine. Giordanengo ha la mia massima fiducia e non trovo decoroso che venga impropriamente citato. L’amministrazione non ha partecipato volutamente alla celebrazione religiosa perchè ritiene inopportuno festeggiare la Madonna di Polsi che nulla ha a che vedere con le nostre tradizioni religiose. Nulla in contrario, ci mancherebbe con chi ha partecipato per devozione religiosa, ma prendiamo le distanze in modo assoluto e tranciante dai fatti che il luogo Polsi richiama. Presto con orgoglio verrà inaugurata la piazza intestata a Falcone e Borsellino, il primo atto amministrativo assunto dalla mia Giunta.

il video condiviso sui gruppi social cittadini ha ricevuto diverse critiche proprio per “il cosiddetto inchino” ( davanti ad un anziano seduto su una panchina all’ingresso del centro storico, anziano indicato nel video come appartenente alla famiglia Palamara nota alle cronache giudiziarie locali per fatti legati alla N’drangheta) in tanti sostengono si tratti di una normale sosta avvenuta per distanziare gli sbandieratori dai portatori della statua raffigurante la Madonna. Massima solidarietà al Consigliere Giordanengo dai suoi ( almeno una parte) concittadini