Sabato 5 ottobre da Via Tenda 8c dalle 14.30 animiamo Ventimiglia con una grande Parata, mettiamo in discussione i nostri corpi in contrasto con le politiche disumane dei confini.

Costruiamo questa parata muovendoci tra arte, giocoleria, musica e fantasia, per coinvolgere tutte e tutti ad essere parte di un’alternativa, dove umanità e la libertà di muoversi e di restare diventano le fondamenta su cui costruire città migliori senza discriminazioni di provenienza, genere o reddito.

Le politiche della governance Europea, delle Istituzioni francesi, di qualsiasi Governo italiano e delle Istituzioni Locali hanno sempre agito a Ventimiglia, come in tanti altri territori, solamente nell’ottica del controllo ossessivo dei flussi, della militarizzazione del confine e del razzismo diffuso.

Costruiamo una giornata di alternativa rispetto alle deportazioni, agli abusi delle forze dell’ordine, al respingimento dei minori e allo sfruttamento dei corpi e delle esistenze delle donne e uomini migranti.

I Decreti Sicurezza di Salvini, insieme alle precedenti Politiche del PD di Minniti hanno aggravato le condizioni delle persone in viaggio e non solo, hanno sempre colpito anche tutte e tutti noi, soprattutto hanno costruito una criminalizzazione della solidarietà dal Mediterraneo ai confini interni. Anche con la formazione di questa nuova pompaggine di Governo non vediamo i primo piano temi quali: la libertà di movimento e la possibilità di scegliere dove migliorare le proprie condizioni di vita.

ORE 14.30

Concentramento Via Tenda 8c

Di fronte al vecchio Info-point Eufemia

ORE 15.00

Partenza Parata

ORE 16.30

Arrivo ai Giardini Pubblici – Via Vittorio Veneto

Inizio spettacoli dei Saltimbanchi senza frontiere

ORE 18.30

Assemblea Cittadina con Mediterranea Saving Humans

DALLE ORE 20.00

Musica

Organizzato da:

Saltimbanchi senza frontiere

Progetto20k

Mediterranea Saving Humans