Nella mattinata di ieri 5 Settembre una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Imperia ha ricevuto una segnalazione da parte della Sala Operativa Compartimentale di Genova relativa al transito sull’autostrada A/10 dei Fiori, da Ventimiglia in direzione Genova, di un autoveicolo adibito al trasporto della nettezza urbana, provento di furto, avvenuto a Parma nel corso della stessa notte. A bordo del mezzo vi era un localizzatore GPS, aggiungendo. Al momento il veicolo è stato localizzato sull’A/10 dei Fiori, all’altezza dell’area di servizio Bordighera Sud, carreggiata direzione Genova.
La pattuglia, alle 9:40, ha intercettato il veicolo oggetto di ricerche, il cui conducente alla vista dell’auto di servizio, si è fermato immediatamente nei pressi della casello di Imperia Ovest.
A bordo del veicolo si trovava solo il conducente, identificato per A. M. nato e residente a Parma di 53 anni.
Verso le 23 circa del 4 Settembre, a Parma, in vicolo Santo Stefano, un netturbino mentre si trovava fuori dal mezzo ad uso speciale ISUZU 85A, tenuto acceso per permettere il funzionamento del “compattatore”, intento nelle operazioni di carico dei sacchi della nettezza urbana, ha subito il furto dello stesso da parte di un ignoto, che è stato poi riconosciuto senza ombra di dubbio dallo stesso netturbino, in sede di individuazione fotografica, come la persona fermata dalla pattuglia.
A. M. ha confermato il fatto, aggiungendo che ponendosi alla guida del veicolo, ha deciso di recarsi prima a Sanremo per incontrare un’amica e successivamente a Montecarlo, unitamente alla donna, per fare un giro e festeggiare il suo compleanno.
Nell’arco della nottata, l’uomo ha fatto ritorno a Sanremo per accompagnare l’amica a casa ed ha ripreso così il viaggio di ritorno verso Parma, con l’intenzione di restituire il veicolo lasciandolo dove lo aveva “prelevato” consegna ma, in tale frangente, è statp intercettato dalla pattuglia della Polizia Stradale.
L’uomo è indagato a piede libero per il reato di furto aggravato ed il veicolo è stato posto sotto sequestro.
Nella prosecuzione dell’attività, è stata contattata la Società intestataria del veicolo provento di furto per procedere alla contestuale restituzione.