Continua il supporto di Wepesto all’operato della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona, in una collaborazione nata in occasione degli gli scavi dell’antico bastione di Oneglia, portando oggi le immagini sferiche di Google Stret View nel bel mezzo della campagna di scavi 2019 svolti dall’Università di Genova della mansio romana di San Bartolomeo al Mare. Frequentata già in epoca pre romana, era una tappa fondamentale lungo la via Julia Augusta che collegava Roma alla Penisola Iberica.
Da pochi giorni è quindi possibile effettuare una visita virtuale agli scavi, iniziati nel secolo scorso in occasione della costruzione dell’edificio scolastico sovrastante, riscoperti con l’Invasione Digitale del 2015 e attualmente finanziati dal Comune di San Bartolomeo al Mare. Le immagini sferiche sono state realizzate mentre gli studenti dell’Università di Genova sono all’opera, seguiti dall’archeologa Elena Santoro, assegnista di ricerca e presidente di Etruria Nova Onlus. Direttrice scientifica del progetto è invece la professoressa Silvia Pallecchi.
In riferimento alla mappa sopra, il punto di partenza qui proposto è a metà strada tra la “piazza-corte” e la “strada”.