Nuovi criteri ispirano la gestione privata dell’accoglienza migranti in provincia di Imperia. I posti sono 1100 a fronte di 830 stranieri ora ospitati sul territorio. Prezzi tagliati dai 35 euro al giorno a 18 (o 23) euro delle gare avviate dalla Prefettura per l’accoglienza biennale dei richiedenti asilo. Il fabbisogno totale è 18,8 milioni di euro. Non ci sarà l’obbligo di organizzare corsi d’italiano e favorire percorsi d’integrazione e orientamento socio-professionale. Diminuiscono “pocket money” al migrante (2,50 euro), budget per gli indumenti (150 euro all’arrivo) e “telefonata a casa” (5 euro), come scrive Andrea Fassione su “Il Secolo XIX”.