Il sindaco di Triora Massimo Di Fazio è indagato per inquinamento ambientale e abusi edilizi legati alla gestione della foresta di Gerbonte da parte della società “Terra Brigasca”, di cui Di Fazio è amministratore delegato. La sua convivente, Romana Bruno, presidente della società, è accusata in concorso. La foresta, di 660 ettari e di proprietà demaniale, è stata sequestrata. Tra le contestazioni lo sbancamento abusivo di un’area della foresta per realizzare una strada carrozzabile al posto dello storico “sentiero del Parvagliane”, come scrive Paolo Isaia su “Il Secolo XIX”.