Il codice della strada, modificato a dicembre dal governo italiano, ha messo fuori legge i frontalieri alla guida di auto intestate a imprese monegasche o a persone straniere. Chi è residente in Italia non può condurre veicoli con targa monegasca. Sull’onda delle proteste di esponenti dei frontalieri, tra cui Roberto Parodi, segretario del Fai, saranno depositati due emendamenti in aula alla Camera entro la prossima settimana e a settembre in Senato. In caso di approvazione sarà regolarizzata la posizione di chi ha in comodato d’uso l’auto avendo un contratto di lavoro o di collaborazione, come scrive Andrea Fassione su “Il Secolo XIX”.