I Finanzieri di Ventimiglia hanno arrestato nella stazione ferroviaria un cittadino nigeriano che stava tentando di introdurre in Italia quasi un chilo di sostanze stupefacenti. Il giovane ventenne era a bordo di un treno, proveniente da Nizza e con termine corsa nella città di confine, scelto per essere setacciato dai baschi verdi di Ventimiglia e dalle unità cinofile, impegnati nei quotidiani servizi di controllo per intercettare i traffici illeciti che attraversano il confine dello Stato.
Passando da un vagone all’altro, i militari sono giunti proprio nell’ultimo dove, quasi da solo, era seduto il giovane nigeriano che, alla vista dei militari e, soprattutto, dell’unità cinofila CHARLES, un giovane pastore tedesco, nuovo arriva presso la Compagnia di Ventimiglia, ha cercato di scendere dal treno.
Il tentativo non è sfuggito alle Fiamme Gialle, che lo hanno fermato per svolgere i soliti accertamenti, apprendendo così che il giovane era da tempo residente in una struttura d’accoglienza di Avellino e – a suo dire – si stava recando a Milano per stare alcuni giorni con un amico, sebbene avesse con sé un piccolo zaino con un solo cambio di indumenti.
Durante il colloquio, il cane CHARLES era chiaramente interessato alla sua persona, per cui, dopo aver ispezionato la borsa ed effettuato una perquisizione personale, con esito negativo, i militari hanno portato il nigeriano al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sanremo.
Con un esame radiologico sono stati fotografati nel suo intestino 80 ovuli contenenti 4 etti circa di cocaina e più di 5 etti di eroina. Destinata alla piazza Milanese, l’analisi con il drop test ne ha evidenziato la purissima qualità. Dopo aver messo a rischio la vita per un misero compenso, il giovane corriere è stato tratto in arresto e condotto presso il carcere di Imperia.