Nel pomeriggio di ieri, verso le 17, in via XXV Aprile una giovane donna ha chiesto l’intervento della polizia per un furto subito.
La donna ha raccontato ai poliziotti di aver appoggiato il proprio marsupio sul muretto a lato del marciapiede e di essersi spostata di poco per recuperare la figlia piccola che si stava allontanando. Una volta tornata indietro, che il marsupio non era più lì.
Guardandosi intorno ha visto un ragazzo straniero che si stava allontanando e che nel mentre si stava infilando in tasca quello che la donna ha riconosciuto come il proprio cellulare. La giovane ha dato subito l’allarme ed ha raggiunto il giovane per poi intimargli di restituirle il telefono.
Il ragazzo, vistosi scoperto, ha riconsegnato subito il telefono cellulare alla proprietaria mentre ha negato di aver preso il marsupio, contenente tutti gli effetti personali della donna.
In quel momento è giunta la Volante della Polizia di Stato. Alla vista degli Agenti in divisa lo straniero ha ammesso di aver rubato il marsupio e, recuperandolo da terra dove l’aveva poco prima gettato, lo ha consegnato alla donna.
Quest’ultima si è recata subito negli Uffici della Questura e ha formalizzato la querela per il reato di furto. L’uomo, con precedenti penali, è stato accompagnato in Questura e denunciato per furto.