Joachim Pissarro, storico dell’arte direttore delle Hunter College Galleries e Bershad professor of Art history presso l’Hunter College di New York ha visitato la mostra “Monet, ritorno in Riviera”, accompagnato dal curatore Aldo Herlaut. Due le opere di Monet custodite nel castello dei Doria: ‘Le Château de Dolceacqua’, proveniente dal Musée Marmottan Monet di Parigi, e ‘Monaco, vu de Roquebrune’, della collezione di Alberto di Monaco, mai esposto in Italia. E’ stata questa tela a affascinare il pronipote di Camille Pissarro. “Mi conoscono come specialista di Monet. Ma qui ho scoperto un Monet che non conoscevo. Cezanne lo aveva descritto come ‘un solo occhio, ma che occhio’. Penso che non avesse totalmente ragione: Monet era anche cuore e era qui con tutta la sua anima” dice Pissarro all’Ansa.