Un piccolo contributo di Confesercenti ad un giorno importante per il Ponente ligure, per la cultura italiana.
Dieci anni fa ci lasciava uno dei più originali scrittori italiani , un grande poeta, un grande giornalista, nato nel capoluogo piemontese ma strettamente legato al territorio ligure, al lembo di frontiera, di cui era originaria la sua famiglia e dove adesso riposa da dieci anni.
La Confesercenti per questo anniversario ha dedicato per dieci giorni due spazi quotidiani sul sito Facebook della associazione, pubblicando ogni giorno una copertina dei libri scritti da Orengo ed una sua poesia.
Un omaggio per non dimenticare Nico, per farlo conoscere ai giovani, per raccontare il paesaggio, i luoghi del cuore della nostra Liguria attraverso le sue parole, i suoi capolavori artistici.
Con orgoglio vogliamo ricordare una sentinella dell’ambiente, un navigatore dei sapori, dei colori, della semplicità dei profumi del mediterraneo, degli orti, in ricerca continua di quel paesaggio che gli permetteva di riscoprire le sue radici.
Il Ponente ligure era la terra che lo ha sempre affascinato , avendoci vissuto stabilmente dai sei ai sedici anni .
Lui amava i borghi dell’entroterra , il contrasto fortissimo tra le città della costa e i piccoli paesini isolati dal resto del mondo.
Era amico delle persone più umili e più semplici, chiacchierava volentieri con i contadini o con pescatori, ascoltava con curiosità le loro storie e le ciacere locali.
Era un fanatico dei cibi semplici, a cui bastava una pomata, un’acciuga ed un bicchiere di Rossese.
Come traspare dai suoi scritti, Nico era innamorato della natura , di cui evidenziava gli arbusti, i sentieri, i carruggi, le onde.
Infine non per ultimo vogliamo ricordare che Nico era legato da un profondo affetto ad un’altro grandissimo poeta ligure , Francesco Biamonti.
Nei prossimi dieci giorni infine Confesercenti renderà a Nico un’altro omaggio, grazie alla partecipazione delle tre librerie di Ventimiglia, Salis, Logoteca e Mondadori, che da oggi dedicano uno spazio in vetrina ai libri di Nico , con la foto locandina creata da Confesercenti per “Dieci anni senza “
Infine una delegazione di Confesercenti, formata dal segretario provinciale Sergio Scibilia e dalla presidente cittadina Patrizia Taricco , si recherà al cimitero di Grimaldi, per la posa sulla tomba del poeta di un vaso di basilico, simbolo della natura e del paesaggio tanto da lui amati e narrati.