Nella giornata di ieri gli agenti del Commissariato di Sanremo, a seguito di richiesta di intervento al Numero Unico di Emergenza 112, si sono recati in un esercizio commerciale di rosticceria e ristorazione dove il proprietario ha detto di aver riconosciuto il marocchino autore del furto di cellulare avvenuto la notte precedente ai danni di un suo dipendente.
Attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza, gli operatori, in collaborazione con il proprietario e il dipendente, hanno individuato l’autore del furto in un giovane straniero che spesso si aggirava da quelle parti.
L’indomani il ristoratore, notato il giovane, subito lo ha bloccato e in maniera pacifica gli ha chiesto di restituire il cellulare; il giovane inizialmente ha negato ogni addebito, ma poi, messo alle strette, ha detto di aver già rivenduto il telefono e di non aver nemmeno più il ricavato corrispondente a 50 euro.
A questo punto i due hanno bloccato il giovane sino all’arrivo della volante e nell’attesa hanno ricevuto pesanti minacce dallo stesso.
Accompagnato negli uffici del Commissariato, il marocchino, che nonostante la giovane età era già noto per furti commessi in città anche quando ancora minorenne, è stato denunciato per furto aggravato e truffa.