Il Tribunale di Genova ha condannato a 3 anni e 5 mesi il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi nel processo per le “Spese pazze” in Regione Liguria dal 2010 al 2012. Rixi, all’epoca capogruppo regionale della Lega, era accusato di peculato e falso. Tra le spese contestate, anche rimborsi di viaggi sostenuti da collaboratori ma le cui pezze giustificative erano a nome dei consiglieri per 30 mila euro. Erano state acquistate ostriche, gratta e vinci, viaggi. Rixi ha consegnato a Salvini le dimissioni. “Le accetto solo per tutelare lui e l’attività del governo da attacchi e polemiche senza senso. Oggi stesso lo nomino responsabile nazionale trasporti e infrastrutture della Lega, riconoscendogli capacità e onestà assolute” commenta Salvini.