Nei mesi scorsi un uomo ha denunciato un furto avvenuto nella propria villa in provincia di Padova, dove, tra le altre cose asportate, c’era una bici mountain bike con pedalata assistita marca Specialized modello Levo del valore di circa 3.000 euro.
Una settimana fa due operatori della Polizia, impegnati nel servizio di controllo del territorio, hanno notato in sella alla descritta bici un soggetto conosciuto agli uffici della Questura per i precedenti a carico, soprattutto in materia di reati contro il patrimonio.
Alle domande degli operatori riguardo il mezzo di trasporto, l’uomo tergiversava, non è stato in grado di fornire informazioni né tantomeno documentazione, prima ha affermato essergli stato regalato dal fratello, poi da un conoscente.
A fronte dell’atteggiamento dell’uomo e del valore evidente della bici, i poliziotti lo hanno accompagnato in Questura per approfondire la situazione.
Negli uffici l’uomo ha cambiato ancora una volta la versione, affermando di aver comprato la mountain bike quella stessa mattina a Padova da un ragazzo marocchino e di aver poi preso un treno per fare ritorno ad Imperia, senza peraltro essere in grado di documentare il viaggio.
Nel frattempo gli operatori, ad una più attenta analisi del mezzo, hanno appurato che il numero di telaio posto sotto il motore elettrico era abraso.
L’uomo fermato, è stato denunciato a piede libero per ricettazione e la bici era posta sotto sequestro.
Grazie anche alla collaborazione del proprietario di un esercizio commerciale, sono stati effettuati degli accertamenti, tramite sistema elettronico, sul telaio e si è riusciti in tal modo a risalire al numero seriale, risultato il medesimo di quello segnalato nella denuncia presentata un anno prima.
L’Autorità Giudiziaria ha autorizzato stamane la restituzione della E-Bike al legittimo proprietario.