Il sanremese Davide Ventre è stato condannato a 2 anni e 4 mesi per lesioni gravi, minacce gravi e porto abusivo d’arma in seguito agli spari contro l’auto di due extracomunitari al Rondò Volta. A Sanremo il 29 dicembre 2016, secondo la Polizia, Ventre ebbe una discussione con due operai tunisini, che si erano recati al rondò Volta per avere un confronto sulla richiesta ad uno dei due di lasciare l’alloggio dove viveva. Ventre avrebbe agito nel ruolo di intermediario tra l’agenzia immobiliare e gli inquilini, come scrive Paolo Isaia su “Il Secolo XIX”.