Quattro persone sono finite a processo per aver depositato rifiuti speciali non pericolosi sull’argine sinistro del torrente Impero, violando le norme ambientali. il processo, a carico di Giuseppe Alongi, Andrea Novaro, Mario Giusto e Luca La Rosa, nasce da un’indagine dei Carabinieri di Diano Marina nel 2014. I 4 imputati, in concorso, avrebbero depositato in un terreno nei prssi dell’Impero, in parte di proprietà di Alongi, in parte del Demanio, materiale di risulta della demolizione di un immobile a San Bartolomeo al Mare, come scrive Maurizio Vezzaro su “La Stampa”.