La mamma di un bimbo di 4 anni che frequenta una scuola d’infanzia vuol far causa al Comune di Sarzana che ha escluso il figlio perché non in regola con le vaccinazioni. Il bambino è stato espulso l’11 marzo. I documenti dovevano essere presentati entro il 10 marzo. “Mio figlio piange e mi chiede ‘Perché non mi vogliono più a scuola?’ Siamo stati trattati come bestie, subendo un sopruso morale”, dice la donna. “La data del 10 marzo era valida solo per chi aveva presentato l’autocertificazione. La mia assistita ha presentato il documento che attesta un appuntamento per i vaccini l’11 aprile” dice l’avvocato Monica Carmisciano all’Ansa. Per il Comune la famiglia avrebbe dovuto presentare prima tutta la documentazione richiesta.