Continua l’attività di contrasto ai reati di natura predatoria condotta dai Carabinieri della Compagnia di Sanremo. Nei giorni scorsi le pattuglie, anche in abiti civili, hanno controllato sia il centro storico che le aree periferiche, ultimamente visitate dai “topi d’appartamento”, traendo in arresto due cittadini stranieri. Nello specifico un 40enne tunisino, già noto per i suoi precedenti, si era introdotto in un appartamento di proprietà di un piemontese,  occupandolo abusivamente da qualche giorno. L’immobile, sito nella centralissima zona residenziale di C.so Inglesi, veniva utilizzato come seconda casa durante le festività ed il periodo vacanziero ma lo straniero aveva deciso arbitrariamente di ricavarvi la propria dimora introducendosi all’interno dopo aver infranto il vetro della porta finestra con un “piede di porco”. All’interno tutte le utenze erano attive con la possibilità di utilizzare acqua/luce/gas all’insaputa del legittimo proprietario. I Carabinieri sono intervenuti alle prime ore dell’alba cogliendo l’uomo ancora a letto intento a riposare, traendolo in arresto in flagranza per violazione di domicilio aggravata e sigillando i locali in attesa dell’arrivo del proprietario. L’arrestato, giudicato con rito direttissimo è stato colpito dalla misura del divieto di dimora nella Provincia di Imperia. Ambito medesimo servizio i Carabinieri della Stazione hanno individuato e sottoposto agli arresti domiciliari una 50enne di origine albanese, colpita da ordine di carcerazione per 9 mesi di reclusione,poiché riconosciuta responsabile di molteplici furti aggravati e furti in abitazione commessi a Sanremo tra il 2012 ed il 2015.