DQuattro milioni e 300mila euro per oltre 30 interventi di difesa del suolo in tutta la Liguria. Con la firma dell’accordo di oggi tra l’assessore regionale all’Ambiente e alla Protezione civile Giacomo Giampedrone  e il Segretario generale dell’Autorità di Bacino dell’Appennino Settentrionale, Massimo Lucchesi si dà il via al programma di interventi di manutenzione relativi al territorio ligure.

Il programma sulle manutenzioni fa parte di una nuova programmazione triennale di interventi decisi dal Ministero dell’Ambiente e individuati da Regione Liguria sulla base delle priorità in materia di difesa del suolo e di manutenzione diffusa delle opere e del territorio.

L’accordo siglato oggi a Genova si inquadra in una strategia sul rischio idrogeologico che Regione Liguria sta portando avanti insieme al Ministero dell’Ambiente e con la collaborazione delle Autorità di distretto.

Con la firma di oggi si dà il via a interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria  dislocati su tutto il territorio ligure: opere che saranno attuate in parte da Regione Liguria e in parte dai Comuni in campo all’Autorità di bacino a cui resterà la responsabilità per l’attuazione dell’intero programma e il monitoraggio complessivo dello stato di avanzamento delle opere.

In Provincia di Imperia sono previsti i seguenti interventi: nei Comuni di: Caravonica previsti interventi di manutenzione necessari alla sistemazione idraulica del rio Conioli e Rio Baudoini per mitigare la pericolosità del versante a valle del Comune di Caravonica; nel Comune di Pornassio in frazione San Luigi previsti interventi di manutenzione finalizzati al ripristino della funzionalità ed efficienza ambientale delle opere idrauliche esistenti a monte del centro abitato del Comune di Rezzo; nel Comune di Rezzo è prevista la manutenzione di alcuni tratti di alveo dei rio Prelà nel centro abitato del Comune di Rezzo; nel Comune di Vallecrosia  interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria  del Rio Rattaconigli; nel Comune di Camporosso prevista manutenzione straordinaria delle opere idrauliche sul torrente Nervia e della sponda sinistra del torrente Nervia; nel Comune di Ventimiglia prevista la manutenzione della scogliera della sponda destra del fiume Roja.

In Provincia di Genova sono previste opere nei Comuni di: Chiavari è prevista la manutenzione del Fosso Caperana e Fosso di Ri, nel Comune di Genova previsi vari interventi di manutenzione straordinaria del reticolo idrografico nel bacino del torrente Bisagno, nel Comiune di Pieve Ligure prevista la manutenzione straordinaria della Ripa di San Gaetano, nel Comune di Sestri Levante  prevista la manutenzione straordinaria del torrente.

In Provincia della Spezia sono previsti interventi nei Comuni di: Levanto dove è prevista la manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza del torrente Ghiararo a valle del ponte romano; nel Comune di Ameglia previsti interventi di manutenzione dei rivi minori, nel Comune di Borghetto Vara interventi di manutenzione del rio Pogliaschina e dei rii minori; nel Comune di Brugnato intervento sul torrente Chiocciola; nel Comune di Follo in località Piana Battolla interventi di manutenzione fosso Cambertano, San Martino, Cerri Del Gorda; nel Comune di Lerici previsti interventi di manuteznione ordinaria dei rii minori; nel Comune della Spezia previsti interventi di pulizia dei rii minori; nel Comune di Portovenere previsti interventi di tombinatura al di sotto della scuola Di Giona; nel Comune di Riccò del Golfo previsti interventi di manutenzione della località Casella Valdipino; nel Comune di Sarzana previsti interventi di manutenzione ordinaria di torrenti vari; a Varese Ligure previsti interventi di manutenzione di opere idrauliche in località San Pietro Vara; ad Ameglia, Arcola e Sarzana previsti interventi di manutenzione ordinaria degli alvei e delle opere di terza categoria del bacino del fiume Magra.

In Provincia di Savona ad Albenga previsto un grande intervento di manutenzione straordinaria nel fiume Centa.

“L’obiettivo – spiega l’assessore Giampedrone – è quello di attivare in contemporanea alla programmazione e realizzazione di interventi prioritari e urgenti, una nuova politica di manutenzione e di piccoli interventi da effettuare in contemporanea ai grandi, come una risposta concreta anche di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici, il tutto in coerenza con gli obiettivi dei piani di bacino. Siamo infatti convinti che insieme alle grandi opere sia sempre più necessario manutenere ciò che già c’è. A questi finanziamenti in arrivo dal Ministero dell’Ambiente Regione Liguria nei prossimi mesi Regione Liguria affiancherà ulteriori risorse  per circa 2 milioni di euro che useremo per estendere il  più possibile le opere su tutto il territorio”.

“L’idea di un programma stralcio sulle manutenzioni per ridurre il rischio idrogeologico  – ha ricordato il Segretario dell’Autorità di Bacino dell’Appennino Settentrionale Massimo Lucchesi – è partita anche su impulso del Ministro Costa per salvaguardare  il territorio per questo voglio personalmente ringraziare sia lui sia Gaia Checcucci nel suo ruolo di direttore generale del Ministero che hanno fortemente creduto nelle competenze e nel lavoro delle Autorità distrettuali, portando a compimento la riforma ”.