A giorni in Vallecrosia ricorreranno i 75 anni dalla triste istituzione, sul proprio territorio comunale, di un Campo di detenzione per Ebrei (9 febbraio 1944) voluto dalla Repubblica Sociale. Da quel luogo partirono in molti per i Campi di sterminio e molti non fecero più ritorno. Da qualche anno proprio dove era collocato l’ingresso, nei pressi degli attuali giardini pubblici, è stata posizionata una stele che lo ricorda. Fortunatamente quella struttura fu chiusa nell’agosto 1944 anche a seguito della forte attività partigiana in zona.
L’Amministrazione comunale di Vallecrosia intende commemorare le vittime dell’Olocausto, e comunque di tutti i conflitti, con alcune manifestazioni che si avvieranno simbolicamente con la celebrazione del 222 esimo anniversario dalla prima esposizione della nostra Bandiera Nazionale (che fu esposta la prima volta a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797).
Infatti alle ore 17,30 di Sabato 19 gennaio, nella Sala Polivalente comunale (sita in Via C. Colombo-solettone sud), si terrà la conferenza del Generale di Divisione Marcello Bellacicco (Vice Comandante delle Truppe Alpine) dal titolo ” Le Missioni di Pace e il Tricolore come simboli dell’Unità Nazionale” .

Domenica 20 gennaio, alle ore 10,45, in Largo Marinai d’Italia – Lungomare G. Marconi, si proseguirà con la cerimonia in onore del Tricolore e delle vittime civili e militari di tutti i conflitti, con prolusione del Col. (cong.) Riccardo Lanteri. Seguirà l’ alzabandiera solenne con squilli di tromba alla presenza delle Autorità Militari e Civili.

Alle ore 10 di Venerdì 25 gennaio, presso la stele dell’ ex Campo di Concentramento di Via San Rocco, le manifestazioni continueranno con l’annuale commemorazione Giorno della Memoria (27 gennaio 1945), alla presenza delle scolaresche, delle Autorità Civili, Militari, Religiose e di delegazioni di associazioni. Sarà deposta una corona d’alloro.

Venerdì 25 gennaio, alle ore 20,45, nella Sala Polivalente comunale, la manifestazioni termineranno con la proiezione film “Tornerà la Primavera” in occasione del 76 esimo anniversario della Ritirata di Russia (gennaio 1943).

Il voler ricordare tutte le vittime civili e militari dei conflitti, esterni, interni, asimmetrici che siano, le “pulizie etniche” che anche recentemente si sono purtroppo riviste pure in Europa, ha fatto riflettere l’Amministrazione Comunale. Solo ispirandosi ai valori della Costituzione Repubblicana e al nostro Tricolore, che li rappresenta simbolicamente, si può evitare di ripetere gli errori del passato.