Importavano dalla Lituania auto di lusso rubate in Germania e in Belgio e le rivendevano in Italia a prezzo di saldo. Il traffico internazionale è stato scoperto dalla squadra mobile di Savona con un’indagine che ha portato a 12 custodie cautelari e decine di denunce. In carcere sono finiti Carino Di Giovanni, 37 anni, nato in Germania e residente a Bordighera e alcuni collaboratori che procacciavano clienti.  Le auto erano portate in Lituania dove un gruppo di persone, agganciato da Di Giovanni grazie alla compagna lituana, Lina Naceliciute, 29 anni, ora ai domiciliari, si occupava di produrre documenti falsi o correggere il numero di telaio.