Prima sconfitta stagionale per la capolista e campione d’inverno Ospedaletti che sul campo del Legino interrompe, nell’ultima giornata del girone, la sua serie di risultati da imbattuta.
Di una partita tutto sommato priva di spunti, gli Orange recriminano fortemente alcuni episodi simili trattati con due pesi e due misure.
Al 42°, dopo che Salis insacca alle spalle di Frenna su assist involontario di Artioli, viene espulso Miceli. Fatto che fa scoppiare l’ira degli Orange.
A commentare amaramente l’ennesimo cartellino rosso (la settimana scorsa da segnalare l’espulsione dubbia di Sturaro, prima ancora di Alessio Negro), è stato il direttore sportivo Roberto Borgese: “Non è possibile che tutte le domeniche ci debbano buttare fuori un giocatore, commenta il ds.
Falli uguali quando sono subiti valgono al massimo un cartellino giallo, mentre al contrario è rosso diretto. Poi vai a rivedere i video e rimani senza parole”.
Con 32 punti l’Ospedaletti chiude a tre lunghezze dall’inseguitrice Bragno, forte della miglior difesa con soli 14 gol subiti, 9 vittorie, 5 pareggi e 1 sola sconfitta.
Al rientro dalla pausa di fine anno gli Orange troveranno pronto e a disposizione il nuovo manto in sintetico e potranno finalmente tornare a sfruttare il fattore campo.
La rosa di partenza del tecnico Orange: Frenna Matteo in porta, Artioli Giovanni (2000), Fici Roberto, Moraglia Andrea, Ambesi Elia, Negro Alessio, Scappatura Alessandro (’99), Schillaci Mattia, Saba Matteo, Miceli Armando, Espinal José.
Partono dalla panchina: Eramita Gianmarco (2001), Alasia Gian Marco (’98), Rossi Diego, Trotti Cristian, Gambacorta Luca (’99).
Sostituzioni: entrano nel secondo tempo Trotti e Gambacorta al posto di Saba e Scappatura
Espulso: Miceli al 42° del secondo tempo

La formazione schierata da mister Davide Girgenti: Bresciani Emanuele (’99), Colombo Emanuele (2001), Semperboni Roberto, Morielli Riccardo, Schirru Michele, Pili Filippo, Siccardi Raffaele (’99), Dorigo Federico, Murabito Davide, Salis Alessio, Martino Simone (’99).
Di riserva: Cambone Jacopo (’98), Catalano Alessandro (2001), Cerato Luigi, Titi Matteo, Osman Majid, Spadoni Luca, Perria Stefano (2002).
Sostituzioni: 2 nel secondo tempo
Ammoniti: Pili e Morielli
Marcatori: Salis al 39°
Direttore di gara: Nicolò Cavo Pucci
Assistenti: Yassine El Hamdaoui, Giacomo Zanin

A prendere la parola a margine della sfida di questo pomeriggio contro il Legino è il neo responsabile tecnico Fabio Vignaroli, il quale vuole provare ad offrire una lettura della giornata odierna a mente fredda.

“L’andamento della prima squadra non può essere messo in discussione per una sola partita. Oggi purtroppo è arrivata la prima sconfitta stagionale ma, statisticamente, è un fatto che doveva accadere. Colgo l’occasione per fare i complimenti al Legino, unico sodalizio capace di strappare i tre punti contro gli Orange.

A caldo il nostro direttore sportivo Roberto Borgese si è lasciato andare a dichiarazioni avventate, comprensibili ma dettate dal nervosismo, dopo una sfida coraggiosa da entrambe le parti. A nome della società posso dire che la direzione non è stata assolutamente pro o contro nessuno, come sbagliano i giocatori possono, a volte, esserci letture contrastanti rispetto ad alcuni episodi.

“Dal mio arrivo all’Ospedaletti – continua Vignaroli – ho subito avuto l’impressione di aver trovato una società in via di sviluppo che ha fatto grandi sacrifici per far sì che il settore giovanile e la prima squadra avessero un campo nuovo. Ho seguito il settore giovanile nell’ultimo mese e posso certificare che ci troviamo di fronte ad un vivaio costantemente alla ricerca di migliorarsi.

Il lavoro futuro sarà centrato proprio sulla ricerca di una visione dello sport ancora più alta, che faccia della correttezza dentro e fuori dal campo il suo baricentro.

Colgo l’occasione per fare tutti gli auguri alla famiglia dell’Ospedaletti. A tutti un buon Natale!”.