La Giunta Regionale ha approvato, su proposta dell’assessore all’Urbanistica Maroc Scajola, una variante al Piano Regolatore Generale del Comune di Taggia relativa a un progetto di demolizione e ricostruzione in un’altra località di un fabbricato a destinazione residenziale in località Orti.
L’immobile è soggetto a criticità strutturali perché prossimo al tracciato autostradale tra Savona e Ventimiglia.
La variante individua un lotto di edificazione sul quale trasferire la volumetria demolita incrementata del 35%, ed è approvata sulla base del cosiddetto “Piano Casa” utilizzando le procedure approvate nel 2015 dall’attuale giunta, che consentono la demolizione e ricostruzione in aree non soggette ad eventi alluvionali o frane.
“E’ l’ennesimo esempio – ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica Marco Scajola – di applicazione di una norma contestata a torto, perché non solo non crea maggiore edificazione ma che consente anche di spostare volumi da zone pericolose ad altre dove realizzare abitazioni più sicure, moderne e vivibili”.
“I dati in nostro possesso – conclude Scajola – ci dicono che i comuni ed i cittadini hanno apprezzato la nostra scelta e stanno utilizzando sempre di più gli strumenti che abbiamo voluto e che saranno affiancati da altre norme volte sempre alla rigenerazione urbana ed riqualificazione del nostro territorio”.