Puntuale come il giorno di Natale e quello di ferragosto, e con la campagna elettorale che corre spedita verso i blocchi di partenza, ecco l’altrettanto puntuale endorsement del Sindaco Biancheri con il Partito Democratico che ha ribadito, sottolineo ribadito, l’appoggio alle prossime consultazioni elettorali.
Nel comunicato del segretario cittadino dei democratici Marco Torre si legge testualmente “ha deciso all’unanimità di confermare l’appoggio del Pd”. Inevitabilmente ciò significa che l’amministrazione attuale ha avviato fin dal 2014 un percorso civico progressista tipico delle amministrazioni di centrosinistra ove l’apporto del PD è fortemente determinante e intende mantenerlo anche per il futuro. Tanto che gli stessi vertici locali del PD non ne fanno un mistero ove sottolineano: “nel confronto avuto col Sindaco Alberto Biancheri abbiamo riscontrato piena sintonia di vedute su tali priorità e partendo da queste una piena disponibilità a costruire insieme il futuro programma da presentare agli elettori in campagna elettorale”.
Appare del tutto evidente che il progetto “Biancheri Bis” è marcatamente di centro sinistra come lo è stato sino ad ora e come da noi più volte evidenziato già in tempi non sospetti. Il tentativo di sdoganare la propria coalizione come sola espressione civica da parte del Sindaco “silurando” il Vice Sindaco Faraldi e l’Assessore Cassini per successivamente arrivare a dichiarare apertamente, a settembre 2017, che “noi siamo un amministrazione di centrodestra”, appare come una maldestra “buttade” atta solamente a creare confusione agli elettori sanremesi con la finalità di acquisire consenso in vista delle prossime elezioni.
E c’è di più. Ai più attenti non saranno certamente passate inosservate le dichiarazioni del Sindaco, apparse su alcuni quotidiani locali questa mattina, in ordine alla veridicità delle allerte meteo puntualmente diramate dalla regione, facendo in qualche modo eco a quanto già dichiarato nei giorni scorsi dal collega Sindaco di Imperia Scajola sulla medesima questione. Ciò lascia auspicabilmente intendere che il Sindaco è in aperta campagna acquisti anche oltre i confini sanremesi e che di civico ha ben poco, palesando invece quel tipico atteggiamento politico che ha spesso contraddistinto la prima repubblica.
Occorre inoltre rilevare che appaiono del tutto fuorvianti e pretestuosi i timori espressi dal segretario PD Torre che ha manifestato preoccupazione circa “un centrodestra a trazione leghista che si nasconde dietro una formazione civica”. Quest’ultima dichiarazione appare palesemente infondata con quanto sempre espresso dalla coalizione di centrodestra. In pratica ci accusa di riproporre lo schema che sta mettendo in atto Alberto Biancheri, ossia palesare civica una compagine fortemente a trazione centrosinistra.
La coalizione di centrodestra e Forza Italia non ha mai sostenuto la tesi opposta, tantomeno intende nascondere i simboli di partito, ma ritengo doveroso per gli elettori sanremesi cercare di fare chiarezza e sgomberare il campo da ogni dubbio. Sergio Tommasini è e rimane un candidato civico, che la coalizione di centrodestra ha concertato con l’espressione di un gruppo civico, ed ha inteso sostenere per le capacità
forzaitaliasanremo@tiscali.it
manageriali internazionali in un’ottica di amministrazione manageriale, necessaria per quel cambiamento
che si ritiene doveroso per la Sanremo del nuovo millennio ormai prossimo al suo ventesimo anno. Una figura
di espressione civica aperta a coloro che, sebbene ideologicamente possono non essere affini al centrodestra
ma meramente civici, ritengono che una figura manageriale sia più idonea ad amministrare la propria città.
Bontà di un progetto aperto, confermata infatti dalla recente adesione della Consigliera Basso alla nostra
coalizione.
Senza voler alimentare polemiche ma per diritto di cronaca, infine, non è condivisibile quanto espresso,
sempre dal segretario dei democratici Marco Torre, in ordine ai problemi dei rifiuti urbani, ritenendo questi
ultimi superati. I risultati sono già sufficientemente esaustivi percorrendo le vie cittadine e quando ci
rechiamo agli sportelli per versare la Tarsu.

IL SEGRETARIO DI FORZA ITALIA SANREMO
Emanuele del Compare