Da Regolamento di Consiglio Comunale, l’Amministrazione Ingenito aveva 20 giorni per fornire una risposta scritta alla nostra Interpellanza sul futuro di Piazza della Stazione presentata il 27 Agosto 2018. Ma 32 giorni dopo siamo ancora a mani vuote.
La chiarezza di intenti e’ cruciale per evitare sprechi di denaro. L’Amministrazione aveva stralciato dal Bilancio il progetto dell’ex Amministrazione Pallanca per la riqualificazione della Piazza. Ma il Sindaco ha continuato ad affermare che il progetto rimaneva nel primo cassetto della sua scrivania. Erano stati lasciati a disposizione solo 150.000 euro (IVA inclusa) per manutenzione della Piazza. Ma quando ci siamo informati sugli elementi di tale manutenzione abbiamo appreso che si tratta di costruire aiuole nel centro della piazza dove piantumare alberi anche per offrire ombra alle auto parcheggiate, con il servizio di professionisti esterni per la progettazione.
Si delinea cosi la possibilita’ che il finanziamento previsto dalla Giunta Ingenito per Piazza della Stazione sia mirato a rendere piu’ ospitale il parcheggio. Ma questo e’ un obiettivo antitetico rispetto al progetto originario di riqualificazione della Piazza che valorizzava lo spazio pubblico destinandolo a fruizione pedonale.
Bisognera’ percio’ decidere: se si intende in un futuro prossimo tornare al progetto originario di riqualificazione di Piazza Eroi, le spese per la progettazione e costruzione oggi di aiuole rappresentano un uso ingiustificato di una buona parte di 151.500,00 Euro. Si limiti invece la spesa concentrandola sul rifacimento dell’asfalto che e’ urgentissimo per la sicurezza e il decoro.
Se il vero intendimento è invece far dimenticare il progetto originario di riqualificazione della Piazza lo spreco di denaro pubblico ammonta ad oggi a circa 30.000 Euro, cioè i costi già incorsi dal Comune per il progetto originario della riqualificazione della Piazza.
Speriamo di ricevere chiarimenti soddisfacenti nel corso del Consiglio Comunale di Venerdi 28 Settembre, e attendiamo comunque la risposta scritta dovuta.
Mara Lorenzi per Civicamente Bordighera