È dedicata al mito di Antigone la terza giornata di “Solea”, la rassegna dedicata alla cultura mediterranea, in programma a Sanremo fino a domenica 22 luglio. Domani, sabato 21 luglio, due saranno gli appuntamenti. Alle ore 18.30 al Forte di Santa Tecla ecco il talk “Antigone Mediterranea: storie di quotidiana ribellione”, storie raccontate da scrittrici di teatro e letteratura intorno a figure di donne “ribelli” come Antigone. A parlarne sono interlocutrici con ruoli ed esperienze diverse, come la grecista Monica Centanni, la scrittrice e insegnante della Scuola Holden di Torino Marta Pastorino, la documentarista e public historian (Ciclomedia) Chiara Ottaviano e l’attrice Anita Caprioli. Il momento avrà la conduzione di Rosalba Ruggeri, collaboratrice di Radio Rai 3 della trasmissione Zazà.

Il talk è a ingresso gratuito e sarà seguito da un aperitivo offerto da CNA – Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa Associazione Provinciale di Imperia, partner dell’iniziativa. Il pubblico potrà degustare i prodotti degli artigiani associati: Le ciappe di Pandora srl, salse e creme di Sancon Costaligure di Arma di Taggia, Olio Anfosso, le prelibatezze della Pasticceria Trucco di Imperia, lo spumante dell’azienda agricola Luca Calvini di Sanremo.

La stessa Anita Caprioli, a seguire (ore 21.15), sarà protagonista dello spettacolo teatrale “La storia di Antigone” insieme al musicista Didie Caria, per la regia di Roberto Tarasco.

Anita Caprioli si cimenta in una rilettura dell’Antigone in una inedita chiave ecologista attraverso il testo della scrittrice scozzese Ali Smith, scelto da Alessandro Baricco come una delle storie “da salvare” (Collana Save the Story, un’idea editoriale della Scuola Holden pubblicata dal Gruppo Repubblica ‘Espresso). L’approccio alla storia senza tempo di Sofocle è un racconto dalla parte dei corvi che popolano la città di Tebe, spettatori saggi e consapevoli circa le vicende di noi poveri umani. La narrazione, sapientemente distillata, si fonde con una colonna sonora musicale dal vivo proposta da Didie Caria, che si avvale di composizioni proprie e rielaborazioni di brani di Cohen, Battiato, Del Ray ed altri.

Sullo stesso palcoscenico vi sono le realizzazioni immaginifiche dello scultore Giovanni Tamburelli, corvi di ferro di varie dimensioni ad avvalorare la prospettiva ambientalista.

Gli interrogativi che alla fine prevalgono risultano fondanti… Sono più importanti le leggi degli uomini o quelle di Dio? E queste ultime esistono, o sono anch’esse leggi di uomini ammantate di sacralità? Può una donna contrapporsi al potere di un uomo? E se questi è un re? Cosa è più giusto? Difendere i diritti del fratello o far rispettare la legge, anche se colpisce i familiari? Suscitando questi interrogativi Antigone rimane, a distanza di millenni, una straordinaria storia di emancipazione. La vicenda di una donna che con il coraggio di una visione “altra” e “alta” rivendica il suo diritto a parlare e si ribella a una ristretta concezione del potere tutta maschile.

“La storia di Antigone” è prodotto dalla stessa Cooperativa CMC /Nidodiragno Produzioni.

Lo spettacolo teatrale delle ore 21.15 ha un biglietto di ingresso a 15 euro.

Intanto nel pomeriggio di oggi (venerdì 20 luglio, dalle 18.00 alle 20.00) all’ex Chiesa di Santa Brigida si svolge l’evento off di “Solea”, un laboratorio teatrale a ingresso libero sotto le insegne de “Il desiderio impossibile da incarnare”, curato da Andrea Ciommiento ed organizzato in collaborazione con Pigna Mon Amour, un’occasione per far risuonare le questioni inedite della figura di Antigone e il suo tentativo estremo di rigenerare il desiderio.

Per l’edizione 2018 “Solea”, che quest’anno ha come sottotitolo “Miti per la gente comune”, si avvale di partner preziosi. La manifestazione, organizzata dalla Cooperativa CMC/Nidodiragno Produzioni, nasce all’interno del calendario di manifestazioni estive del Comune di Sanremo – Assessorato al Turismo, Cultura e Manifestazioni e gode del supporto di MIBACT – Polo Museale della Liguria. Viene confermata la collaborazione, come detto, con CNA ed inoltre il legame con il Casinò di Sanremo.

Il compito di chiudere Solea 2018, domenica 22 luglio (ore 21.15), sarà affidato a Isabella Ferrari, attrice notissima e amica di Sanremo. Sua sarà l’appassionante interpretazione di “Fedra”, nella riscrittura di Giannis Ritsos.