Alla Francia è stato chiesto un risarcimento di 30 mila euro per il sequestro del “Mina”, peschereccio sanremese trattenuto per una settimana a Nizza, nel gennaio 2016, con l’accusa di avere invaso le acque territoriali d’Oltralpe. I francesi avevano riconosciuto il proprio sbaglio con una lettera di scuse. Il danno di 30 mila euro comprende la settimana di fermo pesca, la perdita di 18 casse di gamberi che il “Mina” aveva catturato ed i danni morali, come scrive Paolo Isaia su “Il Secolo XIX”.