13 luglio ore 10.27
Una linea ferroviaria ricca di storia aggiunge al suo libro una data storica.
Non è passato tanto tempo da quando una mattina arrivò l’annuncio che la ferrovia della Val Roia era diventata un “Ramo Secco “ e andava chiusa.
Una linea internazionale che collega il Mediterraneo con le Alpi, di grande valenza turistica, utilizzata da tanti pendolari tra Liguria e Piemonte.
Da quel giorno è iniziata una fase nuova dove i protagonisti sono stati i cittadini, le associazioni, tutti legati a questa infrastruttura voluta dal ventimigliese il Presidente Giuseppe Biancheri.
Il risultato di questa battaglia si realizza venerdì 13 luglio alle ore 10.27 in stazione ferroviaria a Ventimiglia.
Grazie ai fondi stanziati dal Governo Italiano la linea è stata messa in sicurezza, sono stati eseguiti tantissimi lavori, la linea ,dopo un periodo di chiusura per lavori, oggi riapre .
La AGB vuole dedicare questa giornata a questo movimento di cittadini che come un fiume ha invaso la Val Roya e ha vinto una grossa e difficile battaglia.
La AGB vuole ricordare il Presidente Giuseppe Biancheri che fece realizzare la linea per collegare la capitale sabauda con i porti del Mediterraneo.
Oggi una vera vittoria, ma purtroppo con un fondo amaro.
I milioni di euro di fondi pubblici non bastano per superare i disagi dei viaggiatori.
I tempi di percorrenza sono inaccettabili ed inadeguati per una Europa da 2018.
Il numero dei treni è assolutamente insufficiente per permettere ai cittadini di viaggiare in libertà.
Oggi è festa ma non tutti i soggetti pubblici possono festeggiare con serenità.
Troppi ritardi nei lavori, troppe deficienze tecniche, pochi investimenti da parte francese.
Il Treno delle Meraviglie non è ancora una linea europea, mancano i fondi promessi dal Governo francese, manca una espressa volontà delle autorità francesi a volere il collegamento Torino-Nizza operante e funzionante.
Ora è festa ma il 14 luglio sarà dinuovo battaglia.
Un ringraziamento alla Regione Piemonte per il grandissimo lavoro svolto dal assessore Balocco ed il suo staff, grazie ai sindaci liguri e piemontesi che si sono mobilitati.
Viva il Treno di Val Roya
Sergio Scibilia
(Presidente Associazione Giuseppe Biancheri)