A Ventimiglia la moglie rischia il licenziamento e il marito minaccia di morte il titolare dell’albergo intimandogli che, se avesse continuato nei suoi intenti, gli avrebbe “scaricato un caricatore in testa”
Sono state queste le parole di un italiano di 68 anni che, di fronte al possibile licenziamento della moglie, tentava di risolvere la questione con la violenza.
Provvedimento, quello da parte del titolare, motivato dalle ripetute inadempienze della dipendente che le sono costate ben 7 lettere di richiamo.
A quanto pare però l’aggressore non era concorde con le valutazioni fatte dal titolare e, in occasione della discussione nel corso della quale cercava di perorare la situazione della moglie, lo ha minacciato così: “Io ti vengo a prendere a casa, so dove abiti, vengo e ti scarico un caricatore in testa”.
Presenti, all’interno della struttura, due agenti di polizia che, allertati dal titolare, sono scesi nella hall dell’hotel per riportare la situazione alla normalità. Tuttavia neanche alla vista dei poliziotti l’uomo ha cessato la sua condotta ma, anzi, ha inveito anche nei loro confronti.
Considerate quindi le minacce di morte, con specifico riferimento a una presunta arma da fuoco, e valutate le condotte del soggetto unitamente ai suoi numerosi precedenti di polizia, gli agenti hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare nel suo appartamento e nel ripostiglio, sopra una mensola, è stata rinvenuta una pistola a gas di colore nero priva di tappo rossa che veniva pertanto posta sotto sequestro.
Pertanto l’uomo è stato accompagnato negli uffici del Commissariato di Ventimiglia e dopo gli accertamenti del caso, denunciato per minacce gravi.