Secondo la ricostruzione dei fatti fornita dai testimoni agli agenti di polizia intervenuti, quattro stranieri, probabilmente nord-africani, avevano parcheggiato la loro auto all’esterno di un supermarket a Sanremo e, con al seguito delle grandi buste vuote, erano entrati, aggirandosi tra gli scaffali come comuni clienti.
La cassiera però, insospettita dal loro atteggiamento, ha tenuto d’occhio le telecamere a circuito interno e, intanto, ha avvertito il suo compagno che era all’esterno del locale che aveva visto tutti gli spostamenti del gruppo.
All’atto di uscire dal supermercato i quattro, con le buste piene di generi alimentari, hanno provato ad allontanarsi dall’uscita di emergenza, senza quindi passare dalle casse.
Fortunatamente la cassiera e il suo fidanzato hanno intimato loro di fermarsi. Colti nelle mani nel sacco, hanno abbandonato le buste dandosi alla fuga, lasciando però la loro auto parcheggiata all’esterno del negozio.
Gli operatori di Polizia, giunti sul posto a seguito della chiamata della cassiera, hanno visionato le immagini delle telecamere interne, estrapolando quattro fotogrammi ritraenti gli altrettanti soggetti, riconosciuti dalla dipendente che aveva assistito in prima persona al tentato furto.
Le immagini sono state immediatamente diramate a tutte le Volanti e un equipaggio, poco dopo, riconosceva e conseguentemente fermava due soggetti, che venivano accompagnati all’auto in uso al gruppo di stranieri. Uno dei due fermati, essendo in possesso delle chiavi, ormai messo alle strette ha aperto la vettura, all’interno della quale i poliziotti hanno trovato un coltello a serramanico con una lama di 8 cm.
I due stranieri, di 32 e 26 anni, di cui uno irregolare in Italia, sono stati condotti in Commissariato a Sanremo ed enunciati per tentato furto e possesso ingiustificato di armi ed oggetti atti ad offendere. Sono in corso le indagini per rintracciare gli due complici.