Con la sua travolgente simpatia, la famosa tassista fiorentina Zia Caterina (Caterina Bellandi), incontrerà gli studenti, le realtà parrocchiali e i cittadini di Sanremo e Arma. E’ fitta, infatti, la scaletta degli impegni nella Riviera dei Fiori del conosciuto personaggio nelle prossime ore a Sanremo per salire sul palco del musical benefico Seasons of Love (in ricordo di Cristina Lorenzi e Alessio Ceresola) – del quale la sua onlus Milano25 sarà beneficiaria del ricavato – e ricevere il Premio Bontà istituito da Karamellenews.it.
E così lunedì 28 maggio – dopo le prove dell’attesissima commedia musicale in scena martedì 29 maggio alle ore 21 al Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo – a partire dalle ore 14 e fino alle 16.30 sarà nelle aule delle classi 5° della Scuola Elementare Asquasciati in Via Panizzi chiudendo la giornata con la cena insieme ai Sacerdoti della Parrocchia di San Rocco, i genitori di Alessio Ceresola, la presidenza Anspi e la redazione di Karamellenews. E poi si continua il giorno dopo quando, alle ore 8.30 fino alle 10.30, incontrerà i ragazzi del Liceo Cassini a Villa Magnolie e subito dopo, alle 11.30, farà la volata ad Arma per salutare i ragazzi della 5° Ragioneria dell’Istituto Colombo. Infine, alle ore 15.30, nuovamente a Sanremo, abbraccerà il gruppo medie, gli animatori e gli educatori della Parrocchia di San Rocco arrivando, alle ore 20, sul piazzale del Casinò per l’incontro col pubblico prima del via alla serata teatrale.
Personificazione di resilienza e di esorcizzazione dell’umana dipartita così da renderla più accettabile, anche nel Ponete ligure Zia Caterina farà delle sue occasioni pubbliche qualcosa di magico, con tante risate, carezze al cuore e poi il piacere di cantare tutti insieme “Zia Caterina We Love You” il brano scritto per lei da Juri Jimbo Baldacci, assieme al cantante Andrea Prestianni, concorrente di X Factor 2017. Una due giorni il cui obiettivo per Zia Caterina è instillare nell’animo dei giovani un po’ della sua ‘bontà’, raccontando con dolcezza la sua storia nella quale ha saputo trasformare il proprio dolore in progetto d’amore. Perché è una fiabesca Mary Poppins dei giorni nostri, Zia Caterina, che solo a guardarla ti mette allegria. Allegra e colorata lei, allegro e coloratissimo il suo taxi con cui, gratuitamente, trasporta bambini e giovani malati oncologici, i suoi Supereroi, all’ospedale Meyer.