Domenico Moschella, 83enne, colpito da dolori per una malattia cronica, da domenica sera sino a martedì mattina alle 5 è rimasto su una sedia al Pronto Soccorso di Sanremo, ottenendo un posto letto solo dalle 3 alle 5 di mattina dell’1 maggio (grazie ad un’infermiera) perché poi “serviva per un altro paziente”.
Stessa sorte per la compagna di 87 anni, con cui Moschella divide l’alloggio di via Don Bosco a Vallecrosia. Anziani, spaventati, malati e soli, un figlio che lavora in Francia e non può occuparsi di loro a tempo pieno, come scrivono Loredana Demer e Paolo Isaia su “Il Secolo XIX-La Stampa”.