Sabato 24 marzo alle ore 19.00 presso la Basilica di San Maurizio si terrà la prova pubblica di Septem Ultima Verba, opera del Maestro Michael John Trotta, compositore e direttore americano di musica corale.
L’ambientazione musicale, che riprende le ultime sette frasi di Gesù Crocifisso, rappresenta un’opera classica, esistente dal XVI Secolo che ha ispirato il lavoro di Haydn e Pergolesi. Un viaggio corale in sette movimenti attraverso la Passione di Cristo che offre una storia “potente” e che comprende un susseguirsi di emozioni, dall’intima tenerezza al maestoso trionfo.
L’opera del Maestro Trotta verrà eseguita con il coro Troubar Clair e la Giovane Orchestra Note Libere in prima assoluta nazionale come prova pubblica, presso la Basilica di San Maurizio. Seguiranno altre tre date: il 26 marzo a Napoli, il 27 e 28 marzo a Roma. Le prime due esecuzioni saranno dirette dal Maestro Trotta mentre l’ultima dal direttore Cristina Orvieto. Per l’interpretazione imperiese gli interventi dei solisti sono affidati alle giovani voci di Cristina Longobardi e Raffaele Feo, mentre l’introduzione dei concerti a due noti attori Gennaro Squillace (a Napoli) e Pietro Conversano (a Roma).
Il progetto è ideato dalle Associazioni Troubar Clair e Scuola di Musica Città di Sanremo in collaborazione con Teatro del Banchero, il Comune di Imperia tramite l’Assessorato alla Cultura e l’Associazione Templari Cattolici d’Italia; il patrocinio è della Regione Liguria e del Comune di Pieve di Teco.