Vallecrosia| Si accende la campagna elettorale di Vallecrosia. Questa mattina il candidato Sindaco Armando Biasi ha presentato il suo simbolo (nel Video i dettagli)

Contenuto non disponibile
Consenti l'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner, oppure scorrendo e navigando la pagina e il sito"

Marcato stretto dal suo avversario Fabio Perri,i due gazebo sono affiancati sul solettone nord in pieno centro.

Armando Biasi vuole Vallecrosia città della Famiglia, lavorando a registrare il marchi “Città della Famiglia” del Turismo, sono pronti pacchetti di offerte turistiche per invitare le persone a soggiornare a Vallecrosia.

(nel video i dettagli)

Contenuto non disponibile
Consenti l'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner, oppure scorrendo e navigando la pagina e il sito"

Un programma Partecipato quello che Armando Biasi presenterà prossimamente quando sarà chiusa la lista elettorale che, come afferma il candidato sindaco sarà composta da persone che in questi mesi si sono formate dal punto di vista teorico sulle vicende amministrative ma che non hanno avuto incarichi in precedenza.

Il nostro simbolo, composto da una frase che identifica la lista e dalla rappresentazione stilizzata della famiglia, è stato scelto perché esso sintetizza le linee guida del nostro progetto amministrativo.

CITTADINI IN COMUNE

E’ lo slogan che indica quale sia il primo programma che vogliamo attuare: la dichiarata intenzione di condividere con la comunità dei Vallecrosini, tutti insieme e quindi in comune, il governo locale della cosa pubblica nella sede appropriata, e cioè in Comune.

In altre parole , il nostro intento è di rendere aperta ed accessibile la gestione amministrativa comunale a tutti coloro che vorranno collaborare alla sua crescita sociale.

In tal senso i componenti della lista, prima come candidati e successivamente, se eletti, come amministratori, intendono privilegiare innanzi tutto i contatti diretti con la gente, mediante incontri programmati, tendenti ad illustrare i progetti in atto ed a raccogliere nuove idee e nuovi stimoli.

Non vorremo però tralasciare tutte le altre opportunità di partecipazione offerte sia dallo Statuto comunale (es, referendum consultivo) e sia dalla moderna tecnologia informatica (es. incontri sul Web).

Tutto ciò per rendere comprensibile e condivisa l’azione che intendiamo svolgere come amministratori.