Foto Rcs

Dodici anni dopo Filippo Pozzato, un ciclista italiano ha vinto la Milano-Sanremo. Era dal 2006 che un nostro connazionale non vinceva nella città dei fiori. Vincenzo Nibali ha trionfato sul traguardo di via Roma a Sanremo dopo essere riuscito a fuggire nel tratto di falsopiano del Poggio.
Il corridore siciliano ha vinto in solitaria nella 109ª edizione della Milano-Sanremo.
È il primo successo in carriera di Nibali nella Classicissima. Il campione siciliano ha anche vinto un Tour de France, 2 Giri d’Italia, una Vuelta Espana e due Giri di Lombardia.

il a vincitore della corsa, Vincenzo Nibali, ha dichiarato in conferenza stampa: “In realtà ancora non capisco bene cosa sia successo, perché è tutto così inaspettato. È stato incredibile. Quando il campione lettone Neilands ha attaccato, mi ha chiesto di collaborare. La squadra stava lavorando per Colbrelli che era in gran forma, ma ho visto che Neilands era forte e quando ho visto che avevamo un distacco di 20 secondi, ho deciso di continuare quell’attacco. Nella parte superiore del Poggio, dove la pendenza è un po’ più alta, ho accelerato e poi ho proseguito. I 2 km finali sono stati interminabili.

Prima della gara avevo due punti chiave in mente: dapprima la Cipressa, perché se ci fosse stato un attacco con 6, 7 o addirittura 9 corridori, avrei provato a entrare ma senza spingere. Poi c’era il Poggio, il posto più pericoloso, dove era probabile un attacco di Kwiatkowski, Van Avermaet o Sagan. Ero ben posizionato nel gruppo dietro Mohoric, in attesa che qualcuno si muovesse e che reagisse. Negli ultimi 50 metri sapevo di aver vinto. Potevo vedere il traguardo davanti a me e ho fatto in modo di assaporare la vittoria.

Con Peter Sagan sono molto amico. Gli ho detto, “Cosa fai, aspetti la volata?” Non mi ha risposto. Il mio ruolo oggi era di stopper per Colbrelli. Volevo capire cosa stava facendo Peter. Un corridore come me deve arrivare da solo. In passato ho imparato che, se finisco con Alaphilippe, Kwiatkowski o Gilbert, finisco dietro.

Ho avuto molto sangue freddo nelle mie decisioni. L’attacco è stata un’ottima mossa, ho usato la testa ma anche il cuore perché per arrivare da solo al traguardo dopo tutti quei chilometri e dopo tutta la pioggia, avevo bisogno di molta determinazione.

Mi sentivo in ritardo nella preparazione per la Sanremo, ma durante la Tirreno-Adriatico la mia forma è cresciuta e mi mancava solo il guizzo finale. Sono tornato a casa e mi sono riposato, poi sono venuto in questa Milano-Sanremo in ottime condizioni, l’ho realizzato solo durante la gara. Ho finito la scorsa stagione vincendo Il Lombardia e ho iniziato questa stagione con la Milano-Sanremo. Le gare di un giorno sono speciali per me. Forse la Milano-Sanremo è stata quella che meno mi aspettavo di vincere perché non è la più adatta alle mie caratteristiche. In passato ho attaccato sul Poggio e sono andato sul podio, ma sono sempre stato battuto da chi ha un finale più veloce del mio. Oggi ho vinto e sono molto felice

Il secondo classificato, Caleb Ewan, ha detto: “I ragazzi sono andati alla grande, quindi alla fine non possiamo avere rimpianti. Detto questo, sono venuto qui in forma, quindi ovviamente sono un po’ deluso dal secondo posto. Matteo Trentin è andato molto bene oggi e ha provato con il suo colpo migliore. Si è avvicinato ma non è bastato perché Vincenzo Nibali era in stato di grazia”.

Il terzo classificato, Arnaud Demare, ha commentato: “Lo giornata era con vento contrario, quindi ho capito che dovevo essere paziente. Ho preso la ruota del treno Quick-Step ma mi sono reso conto che non avremmo ripreso Nibali. Ha fatto qualcosa di molto speciale oggi, attaccando sul Poggio. Dietro di lui Kwiatkowski ha contrattaccato e Sagan lo ha ripreso, quindi l’inseguimento ha richiesto altro tempo per riorganizzarsi. Andare sul podio davanti a una folla in adorazione per Vincenzo è stato comunque speciale”.

#MSR