E’ la festa del papà che per la prima volta ha uno spazio in un luogo di cultura, la Biblioteca Aprosiana, in pieno centro città, che oggi, venerdì 16 marzo, alle 17.15 ospiterà il nuovo recital creato da Lilia De Apollonia per l’occasione; con lei tre attrici del suo gruppo Reading & drama; poi musiche dal vivo, per “Caro papà”. La regista vuole cosi’ ricordare a 20 anni dalla scomparsa il padre Mario De Apollonia. Fu professore, preside, autore di tre libri di storia ligure, amministratore comunale, uomo di sinistra, pertiniano, presidente della gloriosa Ventimigliese. Sarà un’evento, col patrocinio del comune, in forma di recital per i genitori, per i padri, per gli uomini che in generale non vengono decisamente ricordati, mentre la festa delle donne è stata celebrata, nell’estremo ponente, innumerevoli volte. Per la regia della De Apollonia pagine e poesie della letteratua italiana del Novecento, De Amicis, Eco, Sbarbaro, Cardarelli, De Filippo. Nel salone della Nuova Aprosiana, in centro; accanto alla recitazione e alle letture, note di chitarra dal bravissimo maestro di Bordighera Marco Balbo. A presentare e introdurre, testimone di alcuni momenti legati al prof. De Apollonia, il giornalista Marco Corradi, che fu un suo insegnante. Nella sala della Biblioteca le interpreti saranno: Paola Giolli, Tina Iavarone, Giada Mei; letture della giovane attrice Erika Rotondaro, di Donatello Colomba. L’ingresso è libero come da 10 anni per tutti gli spettacoli del Reading e Drama, creato da Lilia proprio in biblioteca.