La Snalc Cisal del Casinò di Sanremo si vede costretto ad intervenire, riguardo agli articoli usciti sui giornali e sui siti on-line, con pesanti dichiarazioni, che non aiutano a risolvere il problema degli incassi e della presenza dei controlli comunali alle Slot Machine.
Abbiamo da tempo denunciato la carenza di unità all’ interno del corpo dei controlli comunali, al Sindaco e alla Casino S.p.A.
Siamo per un allargamento dell’attuale organico di 8 controllori, che entro fine anno passerà a 6 unità, appena sufficiente a garantire la presenza ai giochi lavorati, ed un sporadica presenza di qualche minuto alle slot machine.
La presenza dei controlli comunali è essenziale a tutela del patrimonio aziendale e la sicurezza dei lavoratori che lavorano all’interno della casa da gioco.
Ma se qualcuno attribuisce i mancati incassi per la mancanza dei controlli comunali all’interno delle sale, è fuori strada; le colpe sono da attribuire ad altri fattori, o meglio ad altre persone, non di certo ai lavoratori della Casino S.p.A..
Da gennaio 2018 ad oggi, abbiamo registrato più di 3000 ingressi in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Le poche manifestazioni fatte, non hanno portato ad oggi i risultati dovuti.
Bisogna cambiare ritmo, manca una proattività aziendale.
Una programmazione annuale delle manifestazioni (Gala), volte ad attirare nuovi e vecchi giocatori all’interno della casa da gioco.
Per quanto riguarda Il furto con destrezza, è avvenuto per mano di una banda di professionisti Sudamericani ai danni di una Slot Machine.
Lo stesso furto e la stessa banda ha operato all’interno delle sale del Casino di Venezia, dove non mancano i controlli Comunali.
Invece di deviare i problemi, bisogna affrontarli ed attribuire le responsabilità a chi le ha.
Per questa flessione negativa degli incassi, che abbiamo avuto solo nei primi due mesi dell’anno; siamo molto preoccupati e chiederemo un incontro urgente alla Casino S.p.A. per cercare di cambiare immediatamente rotta.
Il segretario
Davide D’Addetta