Lo scheletro rinvenuto in sepoltura nel 1872 nella grotta Caviglione del sito archeologico dei Balzi Rossi a Ventimiglia appartiene a una donna di circa 37 anni e non a un uomo, come invece ritenuto sino a qualche anno fa. La scoperta scientifica è stata comunicata durante l’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo Preistorico di Balzi Rossi. “La sepoltura non si chiama più l’Uomo di Mentone, ma la Donna di Caviglione ed è stata questa sorprendente scoperta a dare impulso al riallestimento del museo” spiega Antonella Traverso, direttore del museo, all’Ansa.