Per due giorni, il 17 e 18 febbraio, associazioni ed avvocati si sono mobilitati alla frontiera franco-italiana per permettere alle persone che si presentano alla frontiera francese di esercitare i loro diritti, nel rispetto

della legislazione nazionale, europea ed internazionale.

I rappresentanti di associazioni francesi ed italiane, insieme ad avvocati dei due paesi (Nizza, Lione,

Parigi, Tolosa, Milano, Genova e Torino) hanno monitorato la situazione alla frontiera e portato assistenza a persone illegalmente respinte dalle autorità francesi permettendo loro di far valere i proprio

diritti dinnanzi al tribunale di Nizza. Quest’ultimo è stato adito in merito ai casi di respingimento di 20

minori non accompagnati.

Questa missione si è resa necessaria perché le autorità francesi continuano a negare i diritti delle

persone che attraversano la frontiera per raggiungere la Francia, malgrado le numerose condanne di

queste pratiche da parte dei tribunali locali.

Il ripristino dei controlli alle frontiere interne deciso dal governo francese alla fine del 2015, e

regolarmente rinnovato fino ad oggi, non può giustificare la violazione di principi fondamentali quali la

il divieto di detenzione arbitraria

In parallelo, i rappresentanti delle associazioni

protezione dei minori,

Eppure ogni giorno le autorità francesi respingono verso l’Italia minori stranieri non accompagnati, in

Viste le modalità dei rinvii, a molti viene di fatto impedito di chiedere asilo in Francia.

o ancora il diritto d’asilo.

violazione della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia.

hanno effettuato durante tutto il weekend un lavoro di

osservazione alla stazione di Mentone Garavan e davanti alla stazione della polizia di frontiera di Mentone Pont Saint-Louis, constatando che quest’ultima viene utilizzata come luogo di detenzione, 36

persone in questo locale durante la notte da sabato a domenica, per periodi fino a 12 ore. Questi

trattenimenti superano la durata massima prevista dalla legge e si verificano in condizioni indegne,

senza che le persone private della libertà abbiano accesso ad un avvocato, ad un interprete, ad un

medico o a un telefono, in violazione della legge e della sentenza del Consiglio di Stato del 5 luglio

2017.

Le organizzazioni firmatarie continuano a interpellare il Governo francese affinché interrompa le pratiche

illegali di non accoglienza dei richiedenti asilo e dei minori non accompagnati che si verificano alla

frontiera con l’Italia. Il Governo deve rispettare la legislazione francese ed europea ed il diritto

internazionale e la situazione delle persone che attraversano o si presentano alla frontiera deve essere

esaminata nel pieno rispetto dei diritti.