Immagine di repertorio

Ieri gli operatori dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Imperia sono intervenuti a seguito della segnalazione di un conducente di autobus della linea trasporti di Imperia.
Questi era stato costretto ad arrestare repentinamente la sua corsa allorquando aveva udito un sinistro rumore di vetri rotti all’interno del veicolo.
La Volante della Polizia interveniva prontamente e, salita sul bus, effettivamente riscontrava la rottura di un vetro divisorio in fondo alla vettura.
Seduti ancora sul luogo del misfatto vi erano quattro giovani, di cui uno in particolare già noto alle Forze dell’Ordine per i reati di danneggiamento, furto e violazione di domicilio. Si tratta di un genovese, residente a Imperia, classe 1999.
È stato proprio il giovane ragazzo a riferire ai poliziotti di aver rotto il vetro. La spiegazione? Uno stato momentaneo di euforia dettato dall’astinenza da sostanze stupefacenti.
Dagli accertamenti effettuati dagli operatori di Polizia infatti, emerge che il ragazzo è in cura presso il locale Sert, in attesa di essere collocato presso una comunità di recupero per tossicodipendenti.
La ricostruzione dei fatti viene corroborata anche dagli altri passeggeri, che hanno fin da subito notato lo strano atteggiamento del soggetto.
Accompagnato negli Uffici della Questura, il ragazzo genovese veniva denunciato per i reati di interruzione di pubblico servizio e danneggiamento.