Questa notte i Carabinieri di Albenga, durante un servizio di controllo del territorio, reso particolarmente stringente dopo le ultime rapine avvenute in città, hanno fermato nelle vie del centro, una Chrysler Crossfire con all’interno due persone.
Dal controllo dei documenti di guida del conducente, un alassino di 34 anni, e dalla consultazione del terminale, sono emerse delle irregolarità, poiché la patente risultava sospesa.
All’atto della contestazione e della necessità che i due fossero condotti in caserma, il conducente ha cominciato a mostrare chiari segni di nervosismo che hanno insospettito i militari. I due sono quindi stati perquisiti e dalla tasca del giubbotto del 34 enne è saltata fuori una pistola “Browning”, calibro 6,35, con il caricatore inserito contenente 6 colpi. Da un controllo più approfondito è emerso che l’arma aveva la matricola abrasa.
Il passeggero è stato rilasciato dopo le verifiche di rito, mentre il conducente del veicolo è stato subito arrestato e condotto in caserma.
La pistola con matricola abrasa, infatti, per la legge è considerata una pistola clandestina. Il cui porto determina sempre l’arresto in flagranza.
L’uomo ora è detenuto nelle camere di sicurezza, in attesa del rito direttissimo di questa mattina, e le indagini sono in corso al fine di capire perché girasse la città armato.
Accertamenti verranno svolti anche su tutto il materiale sequestrato (telefonini ed effetti personali) al fine di ricostruire la rete di contatti. La pistola, invece, verrà inviata al RIS di Parma per evidenziare la matricola e quindi capire chi fosse l’originario proprietario. Al RIS verranno svolte anche le prove di sparo per accertare se la stessa sia stata utilizzata in passato per commettere delitti.
L’opera incessante dei Carabinieri di Albenga continua sia sotto il profilo del contrasto allo spaccio degli stupefacenti, dall’inizio dell’anno sono state arrestate 10 persone, sia nella lotta al crimine diffuso attraverso il costante e capillare controllo del territorio.