Era un profugo ed ora è un operatore che aiuta i profughi. Sameh Abdel Awwed, 34enne egiziano, è arrivato a Ventimiglia per caso, dopo essere passato da Milano. Da due mesi fa il pizzaiolo nella città di confine. Sam non ha esitato a rischiare la vita il 21 aprile, riuscendo far evacuare il capannone della stazione che ospitava il centro per i profughi e a salvare 60 persone. La Croce Rossa a Ventimiglia gli ha dato un incarico da mediatore culturale e interprete, come scrive Lorenza Rapini su “La Stampa”.