Cento faldoni sono stati sequestrati dalla Procura di Imperia nell’inchiesta su conti e bilanci di “Rivieracqua” che ipotizza il falso in bilancio, truffa ai danni dello Stato e abuso d’ufficio. Queste le accuse formulate a carico dei dirigenti di Rivieracqua. La Finanza aveva perquisito le sedi Imperia e Sanremo e gli uffici di collaboratori e di un amministratore. Avvisi di garanzia erano stati recapitati a Massimo Donzella, Gabriele Saldo e Sonia Balestra, come scrive Maurizio Vezzaro su “La Stampa”.