La Protezione Civile Regionale ha diffuso l’ALLERTA METEO PER PIOGGE DIFFUSE e TEMPORALI diramata da Arpal sulla base degli ultimi aggiornamenti meteo previsionali.
Queste le modalità di allertamento:
ZONA A: ARANCIONE SU TUTTE LE CLASSI DI BACINI fino alle 09.00 di domani, martedì 12 dicembre, poi GIALLA fino alle 15.00
ZONA B: ARANCIONE SU TUTTE LE CLASSI DI BACINI fino alle 09.00 di domani, martedì 12 dicembre, poi GIALLA fino alle 15.00
ZONA C: ROSSA SU BACINI MEDI E GRANDI fino alle 13.00 di domani martedì 12 dicembre (ARANCIONE sui BACINI PICCOLI); poi tutti i bacini ARANCIONE fino alle 18.00 e GIALLA fino alla mezzanotte.
ZONA D: GIALLA fino alle 09.00 di domani, martedì 12 dicembre
ZONA E: ROSSA SU BACINI MEDI E GRANDI fino alle 09.00 di domani martedì 12 dicembre (ARANCIONE sui BACINI PICCOLI); poi tutti i bacini ARANCIONE fino alle 15.00 e GIALLA fino alle 21.00.

A questo scenario va aggiunto:

ZONA D: ALLERTA GIALLA PER NEVE fino alle 20.00 di oggi, lunedì 11 dicembre
Nel dettaglio ecco le zone di allertamento del territorio ligure:

A: Lungo la costa fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Valfontanabuona e Valle Sturla

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida

E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia
Il dettaglio, comune per comune, è reperibile sul sito www.allertaliguria.gov.it dove sono riportate anche le norme di autoprotezione consigliate dalla Protezione Civile Nazionale, da adottare prima e durante gli eventi.

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta.

SITUAZIONE: la Liguria continua a essere interessata da precipitazioni diffuse e persistenti, di intensità al più forte (36 mm/1h a Cabanne di Rezzoaglio), che hanno contribuito a saturare il territorio regionale, facendo misurare innalzamenti nei principali corsi d’acqua (a Panesi l’Entella è cresciuto di 2.40m in 3 ore), attualmente contenuti in alveo, anche se si segnalano i primi allagamenti nel Tigullio.

Nelle prossime ore sono attese le precipitazioni più intense, anche a carattere temporalesco, possibili fino al passaggio del fronte vero e proprio, che si affaccerà sul ponente ligure in serata, per transitare sulla Liguria durante la notte e nella prima parte di domani.

Complessa l’azione dei venti, già con raffiche fino a 158 km/h, e ancora previsti di burrasca forte: quelli da sud hanno interessato la regione da Genova al confine della Toscana, e da Albenga al confine con la Francia. In costa, in queste zone, le temperature sono comprese fra 12 e i 16 gradi; viceversa, fra Albenga a la Valpolcevera, prevale l’azione dei venti da nord, con temperature in costa fino a 3°C e ancora sottozero nell’entroterra, dove si sono verificate estese situazioni di gelicidio (istantaneo congelamento della pioggia a contatto di superfici con temperature negative) ancora in atto, e possibili fino a domani.

Il mare è in crescita, con periodo – l’intervallo fra un’onda e l’altra – a Capo Mele già superiore a 8 secondi, altezza massima a 5.5 m e altezza significativa di 3.2m: la mareggiata inizierà a interessare i due estremi della regione dal primo pomeriggio, convergendo verso il centro nella serata e nottata, fino alla prima parte di domani. Un elemento che ostacolerà il deflusso dei corsi d’acqua.

Di seguito il quadro previsionale per le prossime ore e per i prossimi giorni:

OGGI, lunedì 11 dicembre 2017: Precipitazioni diffuse e persistenti su tutta la regione con intensità forti, cumulate elevate su ABCD, molto elevate su E; alta probabilità di temporali forti e/o organizzati. Possibili fenomeni di gelicidio e gelate diffuse su DE e interno B; deboli nevicate diffuse su parte occidentale di D. Vento da sudovest di burrasca forte su AC con raffiche oltre 100 km/h sui rilievi, burrasca su E e parte orientale di B, vento forte da nordovest su D e parte occidentale di B. Mareggiate intense su tutta la costa con onda lunga formata.
DOMANI, martedì 12 dicembre 2017: Residue precipitazioni su CE anche a carattere di rovescio o temporale (con bassa probabilità di fenomeni forti). Vento forte da sudovest in progressiva attenuazione nel corso della giornata. Mareggiate intense per onda lunga formata lungo tutta la costa fino al mattino; moto ondoso in graduale scaduta a partire da Ponente
DOPODOMANI, mercoledì 13 dicembre 2017: Instabilità residua con possibili precipitazioni anche a carattere di rovescio al più moderato. Mare molto mosso in aumento fino a localmente agitato in serata lungo la costa di C. SEGUIRE GLI AGGIORNAMENTI
In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul sito www.allertaliguria.gov.it, inviato anche tramite twitter (segui @ARPAL_rischiome)

MALTEMPO: REGIONE LIGURIA, PROLUNGATA FINO A DOMANI ALLERTA ROSSA SU LEVANTE E ENTROTERRA TIGULLIO. EMESSA ALLERTA NEVE GIALLA SU ENTROTERRA SAVONESE. ASSESSORE GIAMPEDRONE, “QUADRO MOLTO COMPLICATO SOPRATTUTTO PER LEVANTE. SITUAZIONE PIÙ CRITICA ATTESA NELLE PROSSIME ORE E NELLA NOTTE. ATTENZIONE A MAREGGIATE E GELICIDIO”

“Abbiamo un quadro molto complicato con un’allerta molto importante che, con vari livelli, interessa tutta la Liguria e, partita ieri alle 14, ci vedrà coinvolti ancora nella prossima notte e fino a domani su tutto il territorio. In particolare nel levante, sia sulla costa sia nell’entroterra, anche di Genova, avremo nelle prossime ore e nella notte il picco più importante dal punto di vista idrologico: l’allerta rossa proseguirà fino alle 13 di domani per quanto riguarda bacino da Portofino a Sarzana e fino alle 9 di domattina per quanto riguarda l’entroterra della Fontanabuona e parte del Genovesato. Sono infatti previste ulteriori piogge su un terreno già saturo per le precipitazioni iniziate ieri e anche per quelle di venerdì scorso”. Così l’assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone, che ha tracciato il punto della situazione sull’allerta meteo in Liguria.
Per quanto riguarda i corsi d’acqua, “finora la risposta è stata buona – ha spiegato l’assessore Giampedrone – ma i dati sulle precipitazioni sono significativi con 186 mm di cumulata dalla mezzanotte ad ora nel Comune di Rezzoaglio e di 121 mm nel Comune di San Colombano Certenoli. Queste piogge – ha aggiunto – si aggiungono a quelle cadute ieri e nella giornata di venerdì scorso: i corsi d’acqua sono ancora sotto controllo ma il perdurare di queste precipitazioni può mettere a rischio quei territori con il raggiungimento dei livelli di guardia in poco tempo. Bisogna infatti considerare che i bacini grandi e medi hanno tempi di risposta anche di 6-8 ore dopo il termine delle precipitazioni. Basti pensare che solo il Vara è cresciuto di 3 metri dall’inizio delle precipitazioni ad ora”. La massima attenzione è rivolta ai fiumi Magra, Vara e Entella.
Nella zona centrale della Liguria permane l’allerta Arancione fino alle 9 di domani mattina quando scenderà ad allerta Gialla. “C’è un rischio forte di mareggiate lungo tutta la costa della Liguria – ha proseguito Giampedrone – con venti molto forti e rafficati. Per questo è importante mantenere comportamenti molto prudenti, evitando di avvicinarsi al litorale o ai fiumi. L’altra criticità – sottolinea l’assessore regionale alla Protezione civile – è determinata dalle basse temperature e dal fenomeno del gelicidio (pioggia che si ghiaccia istantaneamente a contatto col suolo, ndr): è stata emessa un’allerta gialla per neve dalle 12 di oggi fino alle 20, per l’entroterra del savonese e dell’imperiese”. A fronte di questo quadro critico, l’assessore ha rivolto un plauso alle amministrazioni locali: “La risposta da parte dei sindaci è stata eccezionale, tutti hanno risposto al meglio secondo i piani di Protezione civile per tutelare l’incolumità dei cittadini. È così che ci si deve muovere – ha concluso – in caso di allerta complicata come quella che sta interessando il nostro territorio”.